Isola di Licosa (SA) - Turismo e ormeggi - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi / Isola di Licosa (SA)
Isola di Licosa (SA)

Isola di Licosa (SA)

L’isola ricade nella Zona di Protezione Speciale (ZPS) “Parco Marino di Santa Maria di Castellabate” nell’Area Marina Protetta di Castellabate.

 

La zona è stata istituita con decreto del Ministro dell'Ambiente ed della Tutela del Territorio del 9 aprile 2010. 
 


 

Punta Licosa

 

Oltre alla presenza della colonia del Gabbiano corso e della Lucertola campestre endemica, dal punto di vista naturalistico l’Isola di Licosa è caratterizzata dalla presenza di altre peculiarità.

 

Sull’isolotto di Licosa, su cui sorge un grande faro, vi sono anche diverse testimonianze archeologiche tra cui spiccano i resti semisommersi di un molo e le strutture probabilmente di una villa, entrambi di età romana.

 
  
 
Isola di Licosa - Faro
 
Dal punto di vista naturalistico l’Isola di Licosa è caratterizzata dalla presenza di un habitat tutelato a livello europeo: le “Scogliere con vegetazione delle coste mediterranee con Limonium spp. endemici".
 
Si tratta di scogliere ricoperte da vegetazione con piante dette alo – rupicole, ossia che hanno la capacità di vivere nelle fessure delle rocce e di sopportare il contatto diretto con l’acqua marina e l’areosol marino.
 
  
 
Gabbiano corso
 
Sono questi importanti fattori limitanti per le specie vegetali per cui le piante, che possono colonizzare tali scogliere, sono altamente specializzate. Inoltre, sono presenti sottospecie endemiche del genere Limonium.
 
Sul bassifondo circostante dell’Isola di Licosa sono presenti le bioconcrezioni del vermetide Dendropoma petraeum; si tratta di una delle poche specie del Mediterraneo capaci di formare biocostruzioni superficiali, analogamente alle barriere coralline tropicali.

  
 
Limonium
 
Per la tutela di tali bioconcrezioni nell’Area Marina Protetta di S. Maria di Castellabbate è stata individuata una sottozona B intorno l’Isola di Licosa dove non è consentito l’ancoraggio e l’ormeggio, regole purtroppo che non vengono assolutamente rispettate dai diportisti nè controllate e sanzionate dalle competenti autorità.
 
COORDINATE
SAN MARCO DI CASTELLABATE

40°16',30 N 14°56',30 E
PER CONTATTARE IL PORTO

E-mail: santamariadicastellabate@guardiacostiera.it
Telefono:  0974-966688

 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Santa Maria di Leuca (LE)

Tra muretti a secco, ville ottocentesche e scogliere da sogno

Il suo nome deriva dal greco: leucòs, ossia bianco. L'et...

Otranto (LE)

Riconosciuto dall'Unesco sito ''Messaggero di Pace''

Otranto è un comune della provincia di Lecce in Puglia, situ...

Porto Badisco (LE) - L'approdo di Enea

Porto Badisco è una nota località balneare situata nel territorio del com...

Vieste (FG)

Vieste è un comune della provincia di Foggia, in Puglia. Stazione balneare garga...

Castelsardo (SS)

Castelsardo è un comune della provincia di Sassari in Sardegna. Si affaccia...
Turismo e ormeggi
Santa Maria di Leuca (LE)
Tra muretti a secco, ville ottocentesche e scogliere da sogno
Il suo nome deriva dal greco: leucòs, ossia bianco. L'etimologia richiama il caratteristico biancore del suo ridente panorama.   Esposta a mezzogiorno, è racchiusa tra le ultime propaggini delle serre salentine term
Fonte: Porto di Leuca e Nautica Report
Titolo del: 23/09/2021 06:50

© Copyright 2011-2021 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI