La goletta ''N░ 5 Elbe'' la banalitÓ della sfortuna - Report - NAUTICA REPORT
Report / La goletta ''N░ 5 Elbe'' la banalitÓ della sfortuna
La goletta ''N░ 5 Elbe'' la banalitÓ della sfortuna

La goletta ''N░ 5 Elbe'' la banalitÓ della sfortuna

di Fabrizio Fattori

Si sa navigare è pieno di imprevisti ma a volte a questi si aggiungono le banalità dei fatti e la leggerezza delle scelte… spesso con disastrosi accadimenti.

 

Quanto capitato alla goletta, banalmente contraddistinta dal nome “N°5 Elbe”, in relazione alla sua originaria zona di competenza, dopo un costosissimo restauro sembra essere il risultato di scelte non appropriate da parte del suo equipaggio che manovrando in un tratto fluviale in prossimità di Amburgo non ha tenuto conto sufficientemente della presenza dell’intenso traffico commerciale di uno dei porti più trafficati d’Europa.

 

Lo scontro con un porta containers cipriota pur evitabile, non e stato evitato. L’impatto con la massiccia mole dell’ “Astro Sprinter”, il cui nome rimanda ad un’ eccessiva velocità di navigazione, è stato fatale. Una falla aperta nello scafo di legno, il tracollo dell’albero maestro, hanno portato al rapido affondamento del naviglio che essendo destinato a brevi crociere turistiche aveva a bordo circa 43 persone, per altro prontamente salvate dal servizio di soccorso presente nell’area, anche se non tutte indenni, così come è stato arginato il pericolo di fuoriuscita di carburante. Il cargo ha continuato la sua corsa praticamente senza danno alcuno.

 

La goletta costruita nel 1883 conosciuta anche con il nome di “Wander Bird” era stata sottoposta ad un accurato restauro in Danimarca, costato circa 1.500.000 euro e mille ore di lavoro, e destinata, nello splendore dei suoi 37 metri, dei suoi due alberi e delle sue vele auriche, ad essere uno dei pochi velieri in legno di quel periodo sopravvissuti a vanto e gloria della cantieristica amburghese.

 

Dopo una lunga carriera al servizio dei piloti nell’area dell’estuario dell’Elba, divenuta proprietà privata compie diverse attraversate oceaniche compreso il passaggio di capo Horn (1937). Dopo il restauro vivrà solo pochi giorni di splendore ( 29 maggio – 8 giugno 2019) a beneficio dei pochi turisti che vi hanno compiuto brevi crociere o l’hanno ammirata all’ormeggio. C’è comunque da essere certi che verranno trovati altri soldi per un successivo restauro così come un altro più esperto equipaggio.

 

Fabrizio Fattori
 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Il mare amico

di Fabrizio Fattori

C’è un luogo dove la solidarietà umana si manif...

Ferdinando Magellano: il giro del mondo in 2 anni, 11 mesi e 17 giorni

Ferdinando Magellano (Sabrosa, 17 ottobre 1480 - Mactan, 27 aprile 1521) è stato...

Il Tevere e i suoi ponti

Per i romani il Tevere e i suoi ponti erano sacri

I ponti del Tevere, i monumenti che ne fiancheggiano il corso, sono...

Capo Nord: il sole di mezzanotte e l'aurora boreale

In realtÓ non Ŕ il punto pi¨ a nord dell'Europa

Capo Nord è una falesia che si trova sulla punta nord dell&#...

Principe Alberto I di Monaco: un navigatore pacifista

La passione per l'Oceanografia

Nacque il 13 novembre 1848 a Parigi, figlio di Carlo III di Monaco ...
Turismo e ormeggi
Martinsicuro (TE)
Martinsicuro è un comune della provincia di Teramo in Abruzzo. È situato sulla destra della foce del fiume Tronto.   Su una collina sovrastante il fiume (località Colle di Marzio) sono stati rinvenuti i resti
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 09/08/2022 07:30

© Copyright 2011-2022 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI Privacy Policy Cookie Policy