ITALIA YACHTS 9.98 - Barche a vela - NAUTICA REPORT
Barche a vela / ITALIA YACHTS 9.98
ITALIA YACHTS 9.98

ITALIA YACHTS 9.98

Italia Yachts 9.98 è studiata specificamente per divertenti navigazioni sportive e particolarmente dedicata alle regate a compenso (ORC e IRC) senza precludere la possibilità di essere utilizzata per brevi crociere.

 

Grande attenzione è stata posta nel creare una barca performante ma al tempo stesso non complicata da portare.
 


 

Il fattore caratterizzante del concept è stato dunque la ricerca dell'equilibrio tra i vari usi, dalle regate a bastone alle regate costiere piuttosto che alle navigazioni cruise, per la realizzazione di un vero all-round con un bilanciamento ottimale tra le prestazioni di bolina e poppa, con venti forti o leggeri.

 

Design

 

Il progetto è frutto dell'opera del Chief Designer di Italia Yachts, il Naval Architect Matteo Polli, già forte delle precedenti esperienze sia in Italia Yachts che nella progettazione dell'M37, una della barche più vincenti della storia dell'ORCi.
 


 

Matteo Polli si è avvalso per la parte di analisi fluido dinamica della collaborazione di Matteo Ledri (tra i pochi italiani ad essere coinvolti nell'ultima edizione della Coppa America - CapeHornEngineering) e del designer Kristian Macchiut (KMD) per il design di interni ed esterni.

 

Scafo

 

La carena è frutto di numerose analisi statistiche e fluido dinamiche (CFD) incrociate tra loro utilizzando programmi di previsione delle prestazioni (VPP) e messi a confronto con i vari rating. Questi studi hanno permesso di creare una nuova generazione di linee scafo che va ad incontrare i target principali del progetto.
 


 

La particolare geometria permette di avere linee d'acqua molto sottili e uscite molto tese a barca dritta a tutto vantaggio delle andature portanti, mentre all'aumentare dello sbandamento le linee si allargano per garantire maggiore stabilità di forma mantenendosi simmetriche. Un dislocamento medio leggero consentite un ottimo rapporto prestazioni/rating per un corretto posizionamento di Italia 9-98 nella flotta dei suoi pari lunghezza. 

 

Piano velico e coperta

 

Il piano velico è stato concepito in collaborazione con una veleria leader nel settore che ha messo in campo i sofisticati software proprietari al fine di studiare le proporzioni e le dimensioni ottimali delle vele in relazione agli altri fattori del progetto. Ne risulta un armo a basso frazionamento con vele di prua molto generose ma non sovrapposte e rapporti di allungamento non estremi.

 

La randa presenta una testa quadra di piccole dimensioni ed un allunamento notevole ma senza la necessità di utilizzare paterazzi sdoppiati o volanti. Sono previste sia vele da poppa simmetriche armate su tangone particolarmente adatte alle regate sulle boe, sia asimmetriche su delfiniera più adatte alle navigazioni costiere. Le linee della coperta sono state modellate cercando il miglior compromesso tra aerodinamica e volumi interni, pur tenendo in considerazione anche l'aspetto estetico. Grazie alle forme avviate e agli smussi è stata ottenuta una geometria a basso impatto aerodinamico e un look asciutto e moderno.

 

L'importanza di ottenere dei flussi puliti attorno alla tuga hanno rappresentato il filo conduttore per i progettisti che hanno disegnato una coperta funzionale, ergonomicamente efficiente e sicura, adeguata sia ad una impegnativa navigazione con equipaggio completo che per navigazioni solitarie o con equipaggio ridotto.

 

Interni

 

Il layout degli interni è suddiviso in 2 cabine, un bagno (a poppa) e il quadrato centrale che incorpora dinette, cucina e carteggio. Il design moderno caratterizzato da superfici in gelcoat è studiato in modo che possa essere funzionale sia in regata che in crociera.
 


 

Alcune parti, come armadi e stipetti, sono realizzati in tessuto e sono smontabili per alleggerire il dislocamento in regata. Il pagliolato è realizzato in compensato marino finito in laminato di colore a scelta. Le 2 porte (bagno e cabina di poppa) sono dotate di soglie e rifinite con cornici tecniche in alluminio per aumentare la resistenza all'uso sportivo. Il carteggio è ricavato nella zona del quadrato mentre la cucina ha layout a "L" ed è composta da un lavello, una generosa cella frigo e un piano cottura basculante.

 

Caratteristiche
 

Lunghezza fuori tutto: 

Lunghezza scafo:

Larghezza massima: 

Pescaggio:

Dislocamento:

Area Randa:

Area Fiocco: 

Area Spinnaker:

GPH ORC 2014 (stimato): 

m 10,30

m 9,98

m 3,54

m 1,90

Kg 4.500 (ORC lightship)

mq 38

mq 32

mq 90

625 s/m


www.italiayachts.it

Titolo del:

Tags

Matteo Polli, Matteo Ledri, Kristian Macchiut
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Nautorís Swan vara il primo ClubSwan 80 costruito da Persico Marine

Nautor’s Swan arricchisce la flotta ClubSwan con il nuovo Clu...

Philippe Briand on Jeanneau Yachts 65: a safe bet for sail

- The new Jeanneau Yachts 65 is the flagship of French yard production   ...

Il primo volo del nuovo, atteso FlyingNikka

Valencia, 13 maggio - Il primo volo di FlyingNikka è una data da segnare sul cal...

Il monotipo Fly40 di Persico Marine firmato Pininfarina entra in produzione

L’attesa terminerà la prossima settimana: è fissato infatti per gio...

Il nuovo supersailer full custom Wally emerge dallo stampo

- Lo splendido scafo del nuovo cruiser-racer Wally101 è stato tolto dallo stampo...
Turismo e ormeggi
Marina di Santa Maria Navarrese, l'approdo nella bellezza della costa di Baunei
La porta per l'incanto, la via di accesso per un paradiso terrestre unico, lastricato da oltre 40 chilometri di costa senza strade, senza un grammo di cemento, senza il fastidio dei colori artificiali. Solo natura, solo il bianco del calcare e
Fonte: Nautica Report
Titolo del: 04/07/2022 08:00

© Copyright 2011-2022 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI