Christo: camminare sull'acqua - Sostenibilita' - NAUTICA REPORT
Sostenibilita' / Christo: camminare sull'acqua
Christo: camminare sull'acqua

Christo: camminare sull'acqua

Di Fabrizio Fattori

Impossibile non essersi mai imbattuti in uno dei monumentali lavori  di forte impatto ambientale ed emotivo che Christo  Vladimirov Javacheff  ha realizzato  in giro per il mondo con l’aiuto di Jeanne-Claude de Guillebon, moglie e compagna d’arte.

 

Intervenire sull’ambiente inserendo colori e materiali estranei  tali da creare feste visuali o produrre forme inconsuete realizzate con l’impacchettare luoghi e monumenti, è la missione artistica di questa coppia . Visione  così fortemente voluta al punto da effettuare viaggi aerei separati  per impedire che in caso di incidente si potesse interrompere inesorabilmente la progettualità programmata.
 


 

Il progetto del pontile galleggiante

 

Oggi Christo si trova a lavorare da solo dopo la morte della moglie, ad un progetto, che come alcuni in passato, interesserà una vasta superficie d’acqua: il lago d'Iseo.

 

La costa incartata realizzata nel 1969 poco lontano da Sidney, le undici isole avvolte in teli rosati della baia di Biscayne (1983) in Florida, ma anche le strutture e i tendaggi color zafferano installati nel 2005 in Central Park a NY ( definiti dagli autori come un fiume dorato) rimandano all’elemento  liquido come capace di inspirare le installazioni  e creare forti suggestioni ambientali.
 


 

Il progetto del pontile galleggiante

 

“Il pontile galleggiante” come viene definito questo nuovo lavoro di Christo, verrà reso agibile dal 18 giugno al 3 luglio 2016, sulle acque del lago di Iseo. Sarà possibile camminare per tre kilometri su dei cubi galleggianti coperti da luccicanti teloni giallo- dalia, strettamente tenuti insieme da robuste corde di nailon . Sarà possibile sentire l’acqua sotto i piedi e l’impressione che se ne ricaverà sarà quella di una vera e propria passeggiata su di un letto d’acqua. Anche le strade di Sulzano e Peschiera Maraglio saranno allestite con 1.500 metri di tela dello stesso colore per dare continuità all’opera galleggiante.

 

Il costo dell’opera sarà di circa 11 milioni di dollari, completamente coperti dalla vendita degli studi preparatori del progetto e richiederà il lavoro di 600 persone per una settimana. Al termine del periodo di esposizione l’opera sarà completamente rimossa e riciclata, anche se l’autore pensa di sezionare la tela in piccoli frammenti e farne dono ai visitatori.

 

Fabrizio Fattori


 

Titolo del:

Tags

Christo Vladimirov Javacheff, Jeanne-Claude de Guillebon
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Dalle reti da pesca i calzini

di Gian Basilio Nieddu

L’economia circolare si può mettere ai piedi con i cal...

The Ocean Race: voci autorevoli chiedono diritti agli oceani per proteggere l'Antartide e l'Oceano Meridionale

The Ocean Race Summit Stockholm - Racing to protect the Southern Oceanha riunito ieri (...

La tartaruga Gavino: dopo 30 anni di cattivitÓ dalla Sardegna nuota fino in America

di Gian Basilio Nieddu

La resilienza è tutta dentro Gavino. La tartaruga liberata a...

Via la plastica dall'acqua: dal mare ai fiumi. L'esempio di Ferrara

di Gian Basilio Nieddu

Quando si parla di plastica il riferimento è quasi esclusiva...

La corsa per una Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Oceano parte da Genova

The Ocean Race ha dato il via a una serie di workshop con l'ambizioso obiettivo di ...
Turismo e ormeggi
Il Porto di Alghero, grande ospitalitÓ sulla Riviera del Corallo
Il più ricco approdo della costa occidentale della Sardegna, Alghero, naturalmente scolpito sulla penisola amena, si affaccia sulla Riviera del Corallo lasciando senza fiato tutti coloro che arrivano dal mare.   Il porto natur
Fonte: Nautica Report
Titolo del: 01/07/2022 10:00

© Copyright 2011-2022 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI