Circolo della Vela Sicilia, dal 1933, tanta storia... - Yacht Club Storici - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi
Imperia, città dai due volti
Imperia è un comune della Liguria, capoluogo dell'omonima provincia
 
Imperia nasce dalla fusione di due città (ed altri nove comuni),&n
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 26/07/2017 07:30
Yacht Club Storici / Circolo della Vela Sicilia, dal 1933, tanta storia...
Circolo della Vela Sicilia, dal 1933, tanta storia...

Circolo della Vela Sicilia, dal 1933, tanta storia...

Il Circolo della Vela nasce ufficialmente il 14 maggio 1933, costituito presso un notaio da un gruppo di dodici amici appassionati di vela: Luigi Airoldi dei Conti di Lecco, Giuseppe Albanese, Ignazio De Pace, Major Hugg Dodds, Giovanni Grasso Notarbartolo, Beniamino Lo Forte, Pietro Morici, Filippo Notarbartolo Marchese di Montallegro, Santi Planeta di Santa Cecilia, Vincenzo Richichi, Filiberto Sallier De La Tour Principe di Castelcicala e Vincenzo Zanca.

 

Presidente viene eletto Filippo Notarbartolo di Montallegro e Giovanni Grasso Notarbartolo Vicepresidente.

 

L'attività sociale vera e propria inizia nel 1934 con l'inaugurazione della sede sociale a Punta Celesi - Mondello.
 


 

Cerimonia d'inaugurazione del Circolo della Vela (1933) - Foto da malitalia.it

 

La deliziosa costruzione, progettata dall'ing. Vincenzo Zanca in collaborazione con Pietro Morici, viene finanziata da una sottoscrizione di azioni da lire 500 cadauna, con interesse garantito del 5% - rimborsate per sorteggio - ideata e garantita da Santi Planeta di Santa Cecilia.

 

L'inaugurazione avviene in grande stile il 21 luglio 1934 alla presenza del Maresciallo dell'Aria Italo Balbo e del Prefetto Marziale.

 

Immediatamente prende vita l'attività velica con una "flotta" di imbarcazioni del Circolo e dei Soci: l'ammiraglia Alcione- un grosso cutter -; il Miranda, del Capitano Pasquale Camicia - un 6 metri ex stazza internazionale -; il Gloriana modernissimo Star 1118 dei cantieri Baglietto, di proprietà dei fratelli Enrico e Mario Ducrot; la barca per gli allenamenti Oronzo, un 6 metri stazza nazionale A 35; infine ricordiamo due barchini, pontati con vela Marconi, chiamati Balilla del mare, appartenenti al Principe Filiberto di Castelcicala, l'uno ed a Luigi Airoldi e Pietro Morici, l'altro. Il 1935 è caratterizzato da vari eventi di particolare rilievo.
 


 

Italo Balbo all’inaugurazione del Circolo della Vela 

 

In maggio sono organizzate dal Circolo le Regate Veliche Internazionali, manifestazione rientrante nel programma della Primavera siciliana, cui partecipa Sua Maestà Alfonso XIII di Spagna con l'Hispania VII. In agosto a Napoli il Gloriana - skipper Mario Ducrot, manovratore Guidino Airoldi - vince il Campionato Italiano Classe Star. Sempre a Napoli, in settembre, Mario Ducrot e Guido Airoldi conquistano il secondo posto ai Campionati Europei Star.

 

Nel 1936 si raddoppia: viene organizzata la seconda edizione delle Regate Veliche Internazionali ed i fratelli Ducrot con il Gloriana vincono il Campionato Italiano Star.

 

Nel '37 si svolge il Campionato Palermitano Star; su cinque imbarcazioni iscritte, tre appartengono a soci del Circolo: il Gloriana, il Maharaba di Luigi Airoldi e l'Annabella di Giuseppe Tasca, che, a sorpresa, vince la regata, precedendo il favoritissimo Gloriana.
 

 

Il guidone del Circolo

 

I Fratelli Ducrot si piazzano onorevolmente anche ai campionati del mondo del 1938 a Kiel con il "Gloriana II" e, nel luglio del '39, Giuseppe Tasca con il suo Annabella vince a Catania la coppa di S.M. il Re Imperatore.

 

Ma già si addensavano le fosche nubi della guerra e, nella primavera del '39, il Presidente Filippo Notarbartolo di Montallegro si dimette per motivi militari, verrà poi a mancare, purtroppo, nel 1943, servendo la Patria. Viene eletto Presidente Girolamo (Mommino) Vannucci barone del Corbo, anziano ed appassionato velista, nonché brillante e simpatico uomo di Circolo.

 

Nel1943 il Barone Vannucci rassegna le dimissioni dopo avere affrontato ed impeccabilmente superato quattro anni di presidenza in un momento storico particolarmente difficile. Subentra così un altro dei fondatori, Don Luigi Airoldi dei Conti di Lecco, pioniere velista e grande sportivo. Anche la sua presidenza coincide con un momento particolarmente difficile, che egli gestisce con grande eleganza e tatto.
 

  


La sede del Circolo della Vela Sicilia

 

E' lo stesso Luigi Airoldi, dopo soli due anni alla guida del sodalizio, a caldeggiare la nomina a Presidente di Don Fabrizio Lanza di Mazzarino Conte d'Assaro, ritenendolo l'uomo più adeguato a ricoprire la carica. Il cambio della guardia avviene in un'atmosfera di straordinaria concordia, con la più affettuosa unanimità. Comincia così, nel 1946, la presidenza del Conte d'Assaro che, sino ad oggi, è stata la più lunga. Affiancato dalla Contessa Conchita egli dirige il sodalizio con amore ed ineguagliabile signorilità, facendolo rinascere dopo i colpi della guerra.

 

E'doveroso e piace ricordare anche la storica figura di Giovanni Grasso Notarbartolo, già Vicepresidente del Circolo fin dalla prima ora. Egli ha coadiuvato il Conte d'Assaro per tutti gli anni di questa lunga presidenza, sia come Vicepresidente, sia come Segretario Generale. Questo grandissimo "clubman", pur non essendo mai stato Presidente, ha dato un enorme contributo a caratterizzare le cose migliori che contraddistinguono in Circolo fino ai giorni nostri.

 

Dal 1982 ad oggi

 

Il 28 febbraio 1982 avviene il 5° passaggio dei poteri presidenziali, da Enrico Ducrot a Giuseppe Tasca Conte d'Almerita, vecchi amici, vicinissimi l'un l'altro nello sport e nella vita sin dalla prima giovinezza. Come primo gesto ufficiale Giuseppe Tasca propone all'Assemblea, la nomina di Enrico Ducrot a Presidente Onorario dei Circolo, proposta accolta con un commovente e lunghissimo scroscio di applausi. Il Presidente, affiancato con eleganza da Don Ruggero Paternò di Carcaci, chiama nel nuovo Consiglio direttivo tre giovani velisti: Gabriele Guccione, Alessandro La Lomia ed Agostino Randazzo, al fine di incrementare al massimo questo sport, scopo del Circolo come recita l'art. 2 dello Statuto. Il 1984 è stato un anno davvero memorabile, il Circolo festeggia in grande stile il cinquantenario e due soci partecipano alle Olimpiadi di Los Angeles: Alessandro La Lomia e Paco Wirz, quest'ultimo, per la verità, gareggia ufficialmente per il Lauria.
 


 

Gli interni del Circolo

 

Nei giorni 13, 14 e 15 luglio si svolgono, nello specchio d'acqua antistante il Circolo, le 3 prove per la Regata "Trofeo del Cinquantenario". L'organizzazione è curata sin nei minimi dettagli. Le prove sono disputate con perfetto ordine, avvalendosi della preziosa assistenza della Capitaneria di Porto e della Marina Militare (con ben 3 Dragamine messi a disposizione del Comitato ed ancorati in rada proprio davanti al Circolo). Oltre al Trofeo, generosamente offerto da Paolo Bulgari, sono in palio un'imponente serie di belle coppe.

 

Domenica 15 luglio - ultima giornata di gara - un vento che salta da tramontana a ponente, con zone di calma piatta, mette a dura prova i nervi degli equipaggi, sconvolgendo in modo imprevedibile la classifica generale. Così Filo da Torcere di Enrico Ducrot, pilotata da Agostino Randazzo, che godeva dei favori del pronostico, deve accontentarsi di un 4° posto di giornata, retrocedendo da 1a a 2a in classifica generale, con grande delusione dei Soci tutti e di molti altri ancora ... Segue un cocktail e la cerimonia di premiazione. La serata si conclude brillantemente con un affollato pranzo offerto dal Circolo ai regatanti.

 

Nel giugno del 1987 il Circolo ospita a Mondello i campionati italiani della classe regina della vela mondiale: la Star, nel segno della continuità con le origini del sodalizio e ripercorrendo le felici tradizioni degli anni Trenta. Al sesto posto, primo equipaggio siciliano, è quello del Circolo della Vela Sicilia con al timone Agostino Randazzo.
 


 

La spiaggia prospiciente il Circolo

 

Tre anni dopo, nell'aprile del 1990, il Circolo della Vela concede a Mondello l'opportunità di vedere all'opera alcuni grandi della vela mondiale, organizzando i Campionati Europei Classe Star. Malgrado un tempo assolutamente inclemente, con un vento talmente inusuale da non permettere il completamente dell'intero programma, la regata è stata entusiasmante, confermando le grandi doti e lo straordinario talento del brasiliano Torben Grael, bronzo due anni prima alle Olimpiadi di Seul, poi campione dei mondo e, nel 1999, tattico di Luna Rossa.

 

Nel 1993 avviene il 6° cambio della guardia alla guida del Circolo, viene così eletto l'attuale Presidente, il Cavaliere del Lavoro Angelo Randazzo, determinato nel ribadire le grandi tradizioni organizzative del sodalizio ed efficacemente coadiuvato dal Segretario Generale: Cavaliere del Lavoro Alfonso Parlato Spadafora Barone di Luccoveni. Le nobili ambizioni vengono immediatamente premiate con l'assegnazione della 13° edizione del campionato tricolore della Classe J24, un'imbarcazione di relativamente recente progettazione, affermatasi anche in Europa agli inizi degli anni Ottanta.

 

Mondello raduna così un cast di timonieri eccezionale, autentici professionisti della vela mondiale, soprattutto d'altura, con un passato nelle classi olimpiche di prim'ordine. Il campionato si rivela incerto ed appassionante sino all'ultimo. A fregiarsi del titolo è Flavio Favini, campione europeo l'anno precedente. Al tredicesimo posto Agostino Randazzo, vincitore dell'ultima prova. La seconda metà degli anni '90 vede anche un forte incremento nell'organizzazione dei campionati zonali Laser ed Optimist organizzati dal Circolo.
 


 

Il Circolo della Vela Sicilia

 

Nel 1996 si svolgono due importanti manifestazioni italiane, il Campionato Italiano Classi Olimpiche (organizzazione intercircolo) ed il Campionato Italiano "L'Equipe" (in collaborazione con il Lauria). Lo stesso anno viene la regata della Coppa Bonanno.

 

Il decennio si conclude in bellezza con il Circolo che si aggiudica l'organizzazione della 18a edizione dei Campionati Europei J24, svoltisi dal 11 al 18 settembre 1999.

 

Testi e foto tratti da: www.circolodellavela.it


 

Fonte: circolodellavela.it e Nautica report
Titolo del:

Tags

circoli velici italiani, yacht club italiani, la vela in sicilia
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

San Diego Yacht Club

Il San Diego Yacht Club è uno dei più famosi yacht club statunitensi. ...

Diporto Velico Veneziano - Date Vela Ventis

La storia del DVV inizia nel marzo del 1950, quando un gruppo di appassionati della vel...

Royal Cape Yacht Club, un pò italiano

Il Royal Cape Yacht Club è uno Yacht Club sudafricano fondat...

Royal Ulster Yacht Club, il ''Rifugio'' di Thomas Lipton

Il Royal Ulster Yacht Club si trova a Bangor, County Down, Irlanda del N...

Golden Gate Yacht Club

Il Golden Gate Yacht Club (GGYC) è uno yacht club americano, fondato nel 1939. ...

© COPYRIGHT 2011-2017 - NAUTICA REPORT - REGISTRAZIONE TRIBUNALE DI ROMA N.314 DEL 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - PUBBLICITA' - LAVORA CON NOI