Anahita, Dea dell'Acqua - Report - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi
Agropoli, un porto mitico
Di Carlo Enrico Bazzani
Agropoli con il suo porto turistico capace di 1200 posti barca - il più grande a sud di Salerno pur conservando il fascino di antico approdo naturale - si conferma meta di grande interesse nautico e culturale.   Una comoda
Fonte: Nautica Report
Titolo del: 26/06/2017 07:40
Report / Anahita, Dea dell'Acqua
Anahita, Dea dell'Acqua

Anahita, Dea dell'Acqua

Di Fabrizio Fattori

La vita dell’uomo dipende dall’acqua non solo sul piano della sopravvivenza fisica ma anche sul piano della sopravvivenza spirituale. L’acqua con il suo eterno fluire testimonia la vita al di la della morte sostenendo la fede come fonte della vita stessa.

 

Questo elemento, insieme a terra fuoco ed aria,  costituiva il fondamentale credo di una delle religioni monoteistiche più antiche del mondo fondata in epoca Achemenide (700-300 circa BC) da Zarathustra e ancora oggi praticata nell’Iran del sud (area di Yazd).

 

Alla dea dell’acqua, Anahita (la pura) per i persiani, era affidato il compito, insieme agli altri elementi e sotto l’egida di Ahura Mazda unico signore, di  proteggere i seguaci dalle impurità.
 


 

Il Tempio di Anahita a Bishapur - Foto F.Fattori

 

A questa divinità strettamente collegata all’idea di fecondità sono stati eretti templi ma forse il più suggestivo e quello eretto a Bishapur  in epoca Sassanide ( 220-650 AD), da Shapur I, sovrano e abile soldato cui vengono riconosciute molteplici vittorie contro i romani e la cattura stessa dell’imperatore Valeriano, tenuto forzato ospite fino alla sua morte, insieme ai suoi 70.000 soldati (260AD).

 

Alla struttura, posta a circa 7 metri dalla superficie, si accede tramite una scala che conduce ad una piazza di pianta quadrata con al centro una poco profonda piscina alimentata da canali collegati al vicino fiume o a profondi pozzi a loro volta terminali di qanat che raccolgono l’acqua dalle vicine montagne.
 


 

Il Tempio di Anahita a Bishapur - La sca che conduce alla piscina - Foto F.Fattori

 

Sui quattro lati, nelle possenti mura ben squadrate, sono ricavate porte che conducono ad ambulacri e alle conduttore di alimentazione. Il tutto doveva essere coperto da strutture di legno gravanti su capitelli a forma di testa di toro.

 

La presenza dell’acqua consente di attribuire con sufficiente certezza ad Anahita la consacrazione di questo luogo e di immaginare il palazzo di Shapur, cui il tempio apparteneva,  come un vero e proprio giardino ricco di verde e di fiori, percorso da rivoli d’acqua e rallegrato da fontane come ancora oggi capita di vedere in molte città iraniane a conferma di questa antica tradizione del vivere in “paradisi terrestri” dove acqua e natura rendano sostenibile la incombente aridità del circostante deserto. 

 

Fabrizio Fattori

 

Illustration from Brockhaus and Efron Jewish Encyclopedia (1906—1913)

Fonte: Nautica Report
Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Il naufragio della London Valour, 9 aprile 1970

Il naufragio della London Valour avvenne a Genova il 9 aprile 1970. Il piroscafo mercan...

Il tesoro di via Alessandrina

di Fabrizio Fattori

Che il mare sia diventato accidentale forziere di innumerevoli teso...

Le peregrinazioni marine di Ulisse

Ulisse, in greco Odisseo, Re di Itaca e figlio di Laerte e di Antic...

Carlo Sciarrelli, architetto del mare

Carlo Sciarrelli nasce a Trieste il 6 luglio del 1934. Si diploma all'Istituto Tecn...

Porquerolles, l'isola del commissario Maigret

Porquerolles è l'isola più grande e la più occidentale del pic...

© COPYRIGHT 2011-2017 - NAUTICA REPORT - REGISTRAZIONE TRIBUNALE DI ROMA N.314 DEL 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - PUBBLICITA' - LAVORA CON NOI