Arandora Star: il tragico destino di una nave da crociera - Report - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi
Piombino (LI)
Piombino è un comune in provincia di Livorno in Toscana.
 
Centro principale della val di Cornia e principale polo dell'industria siderurgica in Tos
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 25/06/2017 09:50
Report / Arandora Star: il tragico destino di una nave da crociera
Arandora Star: il tragico destino di una nave da crociera

Arandora Star: il tragico destino di una nave da crociera

Di Fabrizio Fattori

Tra gli eventi che condizionano la vita degli uomini certamente i più sconvolgenti sono legati ai conflitti bellici, specie quelli che appaiono ingovernabili da scelte personali e dove il subirne passivamente gli esiti li rende oltremodo dolorosi.

 

Il fato che da sempre condiziona il destino degli uomini, sa raggiungere vette di crudeltà che solo la storia riesce, nel tempo, a rendere accettabile.
 


 

Arandora Star 1940 

 

Nella seconda guerra mondiale il gioco delle mutevoli alleanze e degli ingressi differiti nel conflitto ha significato per molti emarginazione e deportazione. Basti pensare ai giapponesi presenti negli Usa dopo Pearl Harbour  (7 dicembre 1941), agli italiani in Giappone, dopo l’armistizio, di cui I Maraini hanno lasciato vivido ricordo, e agli italiani nel Regno Unito che dopo l’entrata in guerra dell’Italia (10 giugno 1940) vennero costretti ad una emigrazione coatta verso il Canada in quanto ritenuti spie potenziali. A questi “nemici” vennero negati tutti i diritti compresi quelli previsti per i prigionieri di guerra sanciti dalla Convenzione di Ginevra e deportati recidendo legami con i loro parenti e affini inglesi.

 

A questo scopo venne utilizzata la Arandora Star nave da crociera di gran lusso riconvertita con l’obiettivo di trasferire circa 1.500 italiani, tedeschi ed austriaci. Imprudentemente ridipinta di grigio la nave sovraccaricata di uomini ed equipaggio partì alla volta del Canada il 1° luglio 1940 dal porto di Liverpool.
 


 

'Arandora Star' and the Donaldson Liner 'Letitia' in Grand Harbour, Valletta - Foto da Prints - Royal Museums Greenwich

 

Avvistata, dopo un solo giorno di navigazione, da un U-boot U 47 tedesco che ipotizzandone un uso bellico ( il colore grigio della nave giocò un ruolo determinante in tale decisione) la silurò ed affondò in poco più di mezzora.

 

Come spesso è capitato in altri naufragi, le imbarcazioni di salvataggio risultarono insufficienti, e questo determinò la scomparsa di quasi tutti i prigionieri malgrado gli eroici tentativi di porre in sicurezza i superstiti da parte del capitano della Arandora, del comandante della nave canadese arrivata in soccorso e di un ufficiale tedesco prigioniero a bordo, a testimonianza che in mare la solidarietà dovuta prevarica i confini della realtà.

 

Di questa tragedia, a lungo dimenticata, è stato scritto molto e sono state nel tempo fatte diverse rievocazioni ad iniziativa delle comunità di provenienza dei deceduti italiani e sempre in attesa di scuse ufficiali da parte del Regno unito ad oggi non ancora arrivate.

 

Fabrizio Fattori

 

Foto di copertina Arandona Star da WWII Today

 

Fonte: Nautica Report
Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Le peregrinazioni marine di Ulisse

Ulisse, in greco Odisseo, Re di Itaca e figlio di Laerte e di Antic...

Carlo Sciarrelli, architetto del mare

Carlo Sciarrelli nasce a Trieste il 6 luglio del 1934. Si diploma all'Istituto Tecn...

Porquerolles, l'isola del commissario Maigret

Porquerolles è l'isola più grande e la più occidentale del pic...

La vela a tarchia e l'introduzione del boma

La vela a tarchia è una vela di forma quadrilatera, col vertice superiore poppie...

John Holden Illingworth: Myth of Malham

John Holden Illingworth, capitano della Royal Navy è stato un architetto navale ...

© COPYRIGHT 2011-2017 - NAUTICA REPORT - REGISTRAZIONE TRIBUNALE DI ROMA N.314 DEL 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - PUBBLICITA' - LAVORA CON NOI