Liguria - I concessionari di posti barca e le strutture balneari nella Direttiva Bolkestein - Le professioni del mare - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi
Penisola del Sinis - Isola di Mal di Ventre (OR)
Splendide coste, oasi e zone umide
Il profilo che delimita l'Area marina protetta Penisola del Sinis - Isola di Mal di Ventre verso terra è caratterizzato da una costa con pregevoli ed, in alcuni casi, uniche situazioni paseaggistiche ed ambientali.   Nei tr
Fonte: parks.it e nautica report
Titolo del: 24/06/2017 08:35
Le professioni del mare / Liguria - I concessionari di posti barca e le strutture balneari ...
Liguria - I concessionari di posti barca e le strutture balneari nella Direttiva Bolkestein

Liguria - I concessionari di posti barca e le strutture balneari nella Direttiva Bolkestein

Comunicato stampa, 22 marzo 2016

Ieri ho avuto l’opportunità di essere ospite al Convegno organizzato dall’Amico Alessandro Riccomini, Presidente Regionale CNA balneatori della Liguria.

 

Angelo Siclari Presidente ACO Liguria

Ancora una volta emerge, ed in modo chiaro, come le strutture turistico/ricreative che fanno riferimento ai concessionari di posti barca e strutture balneari si trovino inserite, senza doverlo essere, nella Direttiva Bolkestein che è, come ormai assodato in centinaia di dibattiti, convegni, incontri in giro per l’Italia, uno strumento di regolamentazione di servizi.

 

Perché questi comparti  non devono essere inserite in tale direttiva comunitaria?  Per il semplice motivo che si tratta di concessioni di beni come recitano sia il Codice Civile all’art. 822, sia il Codice della Navigazione all’art. 28

 

CODICE CIVILE

Art. 822

 

Appartengono allo Stato e fanno parte del demanio pubblico il lido del mare, la spiaggia, le rade e i porti; i fiumi, i torrenti, i laghi e le altre acque definite pubbliche dalle leggi in materia; le opere destinate alla difesa nazionale.

 

Fanno parimenti parte del demanio pubblico, se appartengono allo Stato, le strade, le autostrade e le strade ferrate; gli aerodromi; gli acquedotti; gli immobili riconosciuti di interesse storico, archeologico e artistico a norma delle leggi in materia; le raccolte dei musei, delle pinacoteche, degli archivi, delle biblioteche; e infine gli altri beni che sono dalla legge assoggettati al regime proprio del demanio pubblico.

 

Questi beniappartengono al demanio necessario (o naturale), in quanto sono dei beni che per la loro naturale attitudine a soddisfare interessi pubblici non possono che essere di proprietà dello Stato.

 

CODICE DELLA NAVIGAZIONE (in vigore dal 1942)

Art. 28

 

Fanno parte del demanio marittimo:

a) il lido, la spiaggia, i porti, le rade;

b) le lagune, le foci dei fiumi che sboccano in mare, i bacini di acqua salsa o salmastra che almeno durante una parte dell’ anno comunicano liberamente col mare;

c) i canali utilizzabili ad uso pubblico marittimo.

 

Premesso ciò è evidente, che da tali disposti normativi ed in modo inequivocabile, si tratta di beni e pertanto su di essi vige il concetto di bene “uti dominus”.

 

L’espressione “uti dominus” è un brocardo latino che indica la modalità di possesso di un bene. Un soggetto che possiede un bene uti dominus lo gestisce “come se ne fosse il proprietario”, ossia godendone dell’uso e degli eventuali guadagni derivanti da un bene.

 

In poche parole lo Stato dei suoi beni ne può fare ciò che ne ritiene più utile. Di fronte al beneficio che i beni demaniali rappresentano per il nostro stesso PIL, lo Stato membro non deve che fare una politica di tutela di quelle imprese che contribuiscono al prodotto interno lordo.

 

Ecco perché la Direttiva Bolkestein non è applicabile su spiagge e/o porti,  in quanto semplicementeessa regola i servizi e non i beni su cui insiste l’ uti dominus. Lo stesso padre di tale direttiva, il Sig. Bolkestein, lo ha anche evidenziato in più occasioni: la direttiva non riguarda i beni ma i servizi, consapevoleche la proprietà degli Stati membri non può essere “gestita” da norme extra nazionali proprio per il principio uti dominus dei beni.

 

Su questi principi, a mio avviso, occorre concentrare ogni sforzo per far si che le imprese che, non dimentichiamo, da sempre producono reddito devono essere assolutamente tutelate dallo Stato membro, semplicemente sottraendoli alle evidenze pubbliche. La stessa Direttiva Bolkestein, nella sua articolazione, evidenzia come si debba, comunque, tenere conto degli interessi dello Stato membro poiché dalla sua applicazione esso non deve RIMETTERCI.

 

Angelo Siclari

Presidente ACO Liguria

Fonte: A.C.O. Liguria – Associazione Concessionari Ormeggi Liguria
Titolo del:

Tags

ormeggiatori liguria, balneatori della Liguria, concessionari di posti barca, strutture balneari
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Openjobmetis lancia la nuova Divisione Navale al servizio di armatori e indotto

Le prime 35 posizioni aperte per il settore dello shipping

Milano, 16 marzo 2017 - Openjobmetis, la prima e uni...

UCINA - Titoli marittimi, proficuo incontro con la Direzione del Trasporto marittimo del MIT

Genova, 20 aprile 2017

Una delegazione UCINA Confindustria Nautica è stata ricevuta...

Ostroweb: quando “andar per mare” non è solo una passione ma anche una opportunità

Ostroweb design e comfort per navigare? Ci raccontate il  vostro viaggio imprendit...

Marina Cala de’ Medici aderisce all’alternanza scuola-lavoro e diventa laboratorio di mestieri

Grazie all’alternanza, promossa da Confindustria Livorno Massa Carrara in collabo...

“Port of Venice” - Agenti marittimi quale futuro ?

Venezia, 20 marzo 2017

Quale futuro per gli agenti marittimi relativo alla funzione pubbli...

© COPYRIGHT 2011-2017 - NAUTICA REPORT - REGISTRAZIONE TRIBUNALE DI ROMA N.314 DEL 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - PUBBLICITA' - LAVORA CON NOI