Marittimi: cosa fare per vivere meglio la professione - Le professioni del mare - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi
Isola Lachea - I. Ciclopi (CT)
L'isola Lachea è la maggiore delle isole che compongono l'arcipelago dei Ciclopi, poco al largo di Aci Trezza, in Sicilia.
 
L'isola Lachea
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 22/01/2017 08:05
Le professioni del mare / Marittimi: cosa fare per vivere meglio la professione
Marittimi: cosa fare per vivere meglio la professione

Marittimi: cosa fare per vivere meglio la professione

Di Daniele Motta

Cerca di uscire, di farsi sentire più in alto possibile il malessere generale dei marittimi che invocano, ancora una volta, quel minimo di visibilità che da sempre gli è negata.

 

I problemi e le lagnanze, sacrosante sia chiaro, sono sempre le stesse: normative e burocrazia asfissiante, la disoccupazione, gli allievi che non trovano neppure il primo imbarco e chi più ne ha più ne metta.

 

Ma che dire di come saltare o aggirare l’ostacolo? Che il vostro problema sia rappresentato dai vostri titoli professionali, una navigazione da riscattare, un contenzioso, un infortunio o che la vostra rc professionale non vi tuteli, le soluzioni ci sono e per tutte le esigenze, anche le più tragiche o magari insormontabili.

 

Ma cerchiamo di essere pratici. Ad esempio spesso il marittimo si scontra con i problemi dati dalle norme locali afferenti il lavoro marittimo, magari per dei titoli professionali o il riscatto della navigazione fatta su bandiera estera.

 

Una prima soluzione per vivere con assai meno pensieri le complessità date dalla gestione dei propri titoli può essere rappresentata dal rivolgersi verso autorità marittime più snelle e consolidate che magari sanno applicare le norme STCW per come sono state concepite: ovvero, in due parole, in maniera semplice e pratica.

 

Un’autorità marittima virtuosa in questo senso è senz’altro la britannica e lungimirante MCA (Maritime and Coastguard Agency) i cui titoli – nella teoria al “pari” di quelli italiani –  sono accettati da praticamente tutto il mondo e le cui pratiche e consuetudini sono quelle riconosciute quali le più “vicine” e meglio applicate in riferimento agli standard internazionali in materia marittima, e non solo per quel che concerne gli stessi marittimi…

 

Che dire invece dei problemi, forse assai assillanti quanto i primi, dati proprio dal non trovare un imbarco o un ingaggio? Spesso la soluzione, seppur richiederà qualche sacrificio economico, esiste ed è spesso la vera medicina al problema, dati alla mano.

 

In questi anni assistendo i marittimi per le più varie e disparate necessità, molti hanno per l’appunto trovato delle buone soluzioni sia “riciclandosi” all’estero, con titoli e relativi endorsement, che facendosi aiutare tramite dei propedeutici piani di assistenza e consulenza atti alla ricollocazione professionale, utilissima per capire “dove si può andare” con i propri titoli ed expertise acquisite nel tempo.

 

Altri, invece, che magari hanno perduto i loro titoli o che hanno subito particolari eventi quali infortuni o problemi con gli armatori o enti e autorità sono riusciti a rivendicare i propri diritti e loro lagnanze.

 

Ma non sempre, al dire il vero questo accade, di contro, purtroppo, sono stati in molti che seppur con tutte le “carte in regola”, magari perché mal seguiti e consigliati, si sono ritrovati non solo con un pugno di mosche ma magari anche più “leggeri” nei portafogli.

 

Seppur in Italia siano davvero pochi i professionisti realmente preparati in materia, affidarsi al giustosoggetto idoneo e specializzato, potrà fornirvi tutta l’assistenza per i vostri problemi, anche i più annosi e complessi.

 

In conclusione seppur sia sempre costruttiva la critica, e i marittimi hanno senz’altro tutte le sacrosante ragioni per farlo, a volte è meglio andare dove le cose sono, per così dire, più “marittime” anziché scontrarsi con un sistema evidentemente poco funzionale e attento al mondo marittimo e navale.

 

Daniele Motta
Perito e Consulente Navale
Tel. +39 389 006 3921
info@studiomcs.org
www.perizienavali.it

Fonte: Nautica Report
Titolo del:

Tags

norme STCW, Maritime and Coastguard Agency,
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Marittimi: nel limbo del mercato e della normativa

Di Daniele Motta

Sembra una storia già letta, vissuta e sicuramente, ai pi&ug...

Giacomo Brignone, ultimo maestro d’ascia di Lampedusa

Di Armando Gariboldi

ampedusa è ormai da tempo agli onori della cronaca per esser...

Il guardiano del faro: un mestiere romantico e ancora oggi tanto ambito

Una delle figure più affascinanti e suggestive è sicuramente quella del g...

Yacht Design - VIZYO srl, la nuova rotta impostata da Vincenzo Zizzo

di Fabrizio Fattori

Nautica Report ha raccolto la testimonianza di un giovane yacht des...

Faber Navalis: preservare l'arte e la tradizione

di Fabrizio Fattori

Ci sono persone che entrano in sintonia con il fare dell’uman...

© COPYRIGHT 2011-2016 - NAUTICA REPORT - REGISTRAZIONE TRIBUNALE DI ROMA N.314 DEL 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008



HOME - REDAZIONE - PUBBLICITA' - LAVORA CON NOI